calcio

Giorni di festa, giorni di calcio

by • 27 dicembre 2014 • COSÌ PER SPORTComments (5)1195

Il giorno di Santo Stefano in Inghilterra, patria del calcio, si è celebrata una delle più importanti giornate della Premier League, cioè del massimo campionato. L’ NBA, il basket professionistico americano, non si è fermato nemmeno il giorno di Natale. Stadi e palazzetti strapieni di gente.

In Italia tutto fermo, tutti in vacanza.

Questa è una delle tante idiozie del nostro sport. Proprio nei giorni in cui si è tutti a casa, in vacanza, anche il mondo del pallone va in ferie. Ma perchè?

Sbaglio a credere che proprio in questi giorni tante famiglie, genitori con i bambini, sarebbero andati volentieri allo stadio a vedere la squadra del cuore. Magari in orari appetibili. La gara più importante in Inghilterra si è giocata il 26 dicembre alle 12.45. In Italia invece Juventus-Inter si giocherà alle 21, in pieno inverno, al gelo. Follia…

Cose semplici. Basta volerlo. Credo gioverebbe anche alle televisioni, vere padrone del nostro calcio. Ma forse bisogna concedere le vacanze ai calciatori. Già poveretti, sono pagati così poco…vorresti farli giocare (scusate lavorare) durante le feste? Assurdo.

****Condividi

Related Posts

5 Responses to Giorni di festa, giorni di calcio

  1. laura scrive:

    Ma poveri calciatori, mica vogliamo farli “lavorare” anche durante le feste di Natale? Sono tanto stanchi, loro. Oggi, ho ripreso a lavorare,e lavorerò anche la vigilia di capodanno,anche se solo per 5 ore,al mattino. Il due gennaio, per me, le feste saranno finite, visto che il giorno della befana,lavorerò. I giocatori, invece, poveracci, sono in giro per il mondo,a godersi il caldo…Bisognerebbe, che il calcio, tornasse ad essere vissuto con più leggerezza,e i calciatori, dovrebbero essere più umili,visto che, sono lautamente pagati, per dar due calci ad un pallone.

  2. laura scrive:

    Grazie, Beppe. Buon lavoro e buon anno a te.

  3. Roberto scrive:

    Il calcio, e non solo il calcio, in Italia non è più un momento di Sport da condividere con la famiglia, un momento di gioia … oggi anche una partita delle giovanili è uno scontro in cui tutto è lecito dentro e fuori dal campo … si parla di educazione sportiva ma oggi questo è l’aspetto a cui si presta sempre meno attenzione a partire dal governo degli sport salvo poi esternare di fronte ad episodi disdicevoli.
    Tanto altro ci sarebbe da dire ma purtroppo sarebbero solo parole al vento … gli interessi ormai prevaricano tutto e tutti …
    meglio una sana passeggiata in montagna !!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *