IMG-20170520-WA0018

RITORNI ECONOMICI DI CHAMPIONS E LIBRI

by • 29 maggio 2017 • COSE NOSTREComments (2)996

E’ la settimana della finale di Cardiff. La Juve dei record in Italia (con lo scudetto ancora fresco sulle maglie) insegue la Coppa dalle Grandi Orecchie. E il popolo bianconero sogna.
Ma ci sono anche tante altre categorie che godono per i successi juventini in Europa. Ad esempio, gli albergatori. Grazie alla Champions – secondo i dati della Camera di Commercio – nelle sette gare giocate a Torino le stanze degli hotel hanno avuto un indice di occupazione che ha sfiorato il 90 per cento: una doppia per la notte della sfida con il Barcellona costava mediamente 150 euro. Insomma, un bel giro d’ affari.
Ma non solo gli albergatori. Bisogna aggiungere i ricavi dei ristoranti e quindi a ricaduta di chi produce vino e altre ghiottonerie tipiche piemontesi.
E siamo tutti ancora in brodo di giuggiole per trionfi del Salone del Libro che ci ha fatti riscoprire lo spirito olimpico del 2006. Anche nei giorni della fiera libraria hotel esauriti ovunque e, insieme ai libri, non sono pochi quei visitatori che si sono portati a casa baroli, dolcetti, agnolotti, gianduiotti, tome… Insomma, è stata un’ altra occasione di rilancio per il turismo enogastronomico della nostra regione.
Una sfida. E l’ abbiamo vinta. Tutti insieme. I milanesi hanno provato a portarci via il Salone e noi abbiamo reagito da veri bogianen. Cioè quelli che non arretrano. Anzi, rilanciano. Una prova d’ orgoglio dei piemontesi che hanno imparato ad amare, difendere e valorizzare le loro ricchezze.
Quindi auguri alla Juve, al Salone del Libro e a tutte le cose belle e buone di questa meravigliosa terra.

Beppe Gandolfo

 

 

****Condividi

Related Posts

2 Responses to RITORNI ECONOMICI DI CHAMPIONS E LIBRI

  1. Sys scrive:

    Confermo!
    Rientrata dal Salone con un chilo e mezzo di cioccolatini, un sacchetto di torcetti al burro, Toma di Lanzo e Toma di Brà (mammamiachebuone), e un numero considerevole di libri. Impossibile non amare il Piemonte, Torino e le sue preziosità, ma soprattutto le sue Persone.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *