Uomini, quanto siamo stupidi

by • 16 gennaio 2014 • ArchivioComments (31)3681

Giulio Cesare, John Fitzgerald Kennedy, Bill Clinton, Silvio Berlusconi…e ora Francois Hollande. E la lista potrebbe continuare con decine di altri nomi.

Perchè noi uomini ci caschiamo sempre? Perchè non ricordo uno scandalo sessuale in cui ci sia di mezzo una donna di potere?

Perchè le donne al potere sono pochissime e quindi non se ne ha ricordo per un semplice calcolo delle probabilità…Purtroppo non è così semplice.

La realtà è che noi uomini siamo proprio degli stupidi, e mi trattengo per educazione. Spesso per una scappatella buttiamo all’ aria storie d’ amore importanti, eppure non riusciamo a trattenerci dal correre dietro una sottoveste. E più si sale la scala del potere, più ci si casca. Giulio Cesare era l’ uomo più potente del mondo ma si lasciò inebriare da Cleopatra e rischiò di perdere tutto. Clinton, per una distrazione sotto la scrivania, ha rischiato l’ impeachment…e così via.

Sono fatti privati, mi si dirà. Assolutamente sì. Infatti di quello che fanno i potenti sotto le lenzuola non me ne frega assolutamente niente. Ma io, da cittadino, pretendo – e ribadisco, pretendo – che siano e restino fatti privati. Invece ho l’ impressione che l’ inebratura del potere porti certi uomini alla convinzione di poter fare tutto quello che vogliono, impunemente. Sicuri di farla franca e di non dover rendere conto a nessuno (nemmeno alla propria moglie) delle proprie scappatelle. Ed è proprio questo che non accetto. Nella mia ingenua convinzione di democrazia, sogno un potente che sappia dire no a qualsiasi tentativo di corruzione, che decida solo per il bene del Paese. Se invece cede al minimo frusciar di gonne e giarrettiere, comincio ad avvertire qualche perplessità.

Anche perchè di gallinelle pronte a far girar la testa il mondo è pieno. Purtroppo. E il purtroppo lo dico per voi donne.

****Condividi

Related Posts

31 Responses to Uomini, quanto siamo stupidi

  1. pier g. cochis scrive:

    Quelli che lo fanno senza farsi beccare.
    Quelli che lo fanno e si fanno beccare.
    Quelli che non lo fanno perchè non riescono ma vorrebbero.
    Quelli che lo vorrebbero fare ma non lo fanno perchè si impongono di non farlo.
    …e poi c’è l’1 su1000 che…ma io non l’ho mai incontrato.

  2. enzo cannone scrive:

    Quando gli Uomini ragionano con la testa piccola diventano Maschi e Stupidi….. mentre quando ragionano con quella grande sono Uomini e basta….

  3. beppe scrive:

    Ricordo di donne anche molto potenti come Caterina II di Russia, Cleopatra, Messalina, le quali però divennero famose per altri motivi oltre agli scandali.
    Credo che al nostro tempo quello che scandalizza di più è la faccia tosta, il sentirsi non giudicabili, inebriati del potere e non essere in dovere di dare un esempio. Di essere corrotti e non sentire il pericolo della corruzione.

  4. adriano scrive:

    nel mondo animale il “maschio” deve cercare di coprire piu’ femmine per poter continuare i suoi geni noi che siamo animali pensanti ogni tanto questo tipo di istinto prevalica la ragione

  5. Laura scrive:

    Si continua a giudicare l’operato lavorativo e istituzionale delle persone in base alla loro vita sentimentale-sessuale. Non so se per invidia o gelosia… o altro. faccio fatica a capire qs morbosità. Perché l’essere umano è cosi mostruosamente piegato ad additare peccati e peccatori invece di guardar se stesso?

  6. Ettore scrive:

    Penso sia difficile fare un’analisi puntuale e corretta del fenomeno maschile che si mette in moto nei casi come quello di Francois Hollande oppure di Bill Clinton o di Silvio Berlusconi.
    Secondo me molto dipende dal potere che certi personaggi tendono ad usare e ne abusano in continuazione.
    Credo anche che questi uomini abbiano anche una buona dose di ingenuità che normalmente le donne che stanno con loro non hanno, ma soprattutto si sentono invulerabili, credono di poter giocare all’infinito mentre non fanno altro che perdere di vista la cruda realtà oppure si immaginano che possa esistere solo la loro verità.

  7. Enza Furnari scrive:

    …l’altro giorno che visto un film in cui un uomo al quale una donna faceva avances sessuali rispondeva respindola con questa frase: non posso io amo mia moglie! …ma era solo un film purtroppo!

  8. maria scrive:

    MARIA MI HA INVIATO QUESTO COMMENTO AUTORIZZANDOMI A PUBBLICARLO
    Buona sera ,non rispondo di la altrimenti mi linciano ,se ste benedette donne fossero più vicine al marito o compagno ,non andrebbero a cercare altrove ,sento tantissime lamentele di uomini da brivido ,sarebbe ora che al posto di mal di testa facessero altro…e i cosidetti capoccioni dovrebbero ..lavorare e non solo prendere il mensile e altro ti auguro una buona serata ….premesso che non capisco nulla di politica …Maria.

  9. Franco Senestro scrive:

    Ciao Beppe, intanto non vorrei fare di ogni erba un fascio (a proposito di fascio, pare che anche il buon Benito…) Credo sia opportuno fare dei distinguo; c’è chi usa il proprio potere per fare il tombeur de femmes e chi credo maledisce il giorno in cui ha avuto il potere perché da quel momento non ha più avuto vita privata. Senza cadere nella trappola dell’allusione politica, credo che uno come Hollande che da solo parte col motorino per andare a trovare l’amante, sia poco diverso dall’impiegato di città che si fa una storia con la collega, in entrambi i casi il potere c’entra poco, anzi credo che Hollande, in quel momento, del potere ne faccia volentieri a meno. Diverso chi usa il proprio potere e magari anche le strutture dello stato per farsi, non una storia, ma decine di storie. Ci sta per gli uomini e per le donne, se ti beccano una volta, può succedere. se son di più sei un puttaniere. In merito alle fumne, , beh son l’altra metà della storia e quindi magari anche loro a casa hanno qualcuno (magari è un potente) che deve abbassar la testa sennà tocca il lampadario. Alla prossima

  10. Pat scrive:

    Non si può e non si deve generalizzare. Mai.
    Eppure questo è un argomento sul quale è quasi d’obbligo generalizzare. Diciamo che la “debolezza” maschile nei confronti delle avance del gentil sesso, pare sia proprio trasversale. Sembra che il potere della maga Circe sia ancora saldamente nelle mani di ogni donna, nonostante siano passati secoli e l’umanità abbia fatto progressi da gigante in molti settori. Ma lì no.
    L’uomo più potente delle terra cede alle lusinghe di una stagista e pensa che lei sia innamorata di lui! Lei invece, è talmente innamorata che conserva con cura in congelatore il maglioncino di cachemire con le tracce di lui. Ma questo è solo uno, molti e molti ancora potremmo raccontarne.
    Ma perché? Bella domanda! Se riuscissimo a rispondere in modo saggio e razionale, avremmo risolto con molta probabilità la maggior parte dei problemi dell’umanità. Se sapessimo perché un uomo rischia di buttare all’aria la sua vita e quella della donna che ama per una gallina che gli “sollecita l’ego” sapremmo anche perché gli uomini ammazzano, rubano, delinquono e compiono azioni orribili. Se un uomo avesse abbastanza razionalità per rispondere come l’attore del film che ha visto Enza, l’avrebbe anche per evitare azioni terribili. Eppure basterebbe fermarsi un momento immaginare il viso sorridente della persona che ami e pensarlo trasfigurato dal dolore e dalle lacrime….qualsiasi gallina sparirebbe. Anche la più polposa!

    • gandolfo scrive:

      Tutto vero, ma certo che se non ci fossero così tante donne che si trasformano in galline….

      • Pat scrive:

        Caro Beppe, non è che si possa aprire una discussione. Non sapremo mai se è nato prima l’uoMo o la gallina! Di una cosa sono certa, le donne sono donne sempre, le galline no. Riescono a mascherarsi da donne, ma prima o poi, le loro zampette fuori escono dalle minigonne e si rivelano per quelle che sono…e allora sono guai. Peccato che la maggior parte degli uomini non riesca a distinguerle… Per il breve periodo o per l’attimo di esaltazione, meglio la gallina. Risultato immediato e zero complicazioni. Una sola controindicazione togliersi le “piumette” di torno è seccante e abbastanza complicato! 😉 (Spero sia chiaro che il mio è un commento ironico e spensierato, altrimenti….)

  11. Cristiana scrive:

    Certe notizie non dovrebbero essere pubblicate. Anche i personaggi cosiddetti “pubblici” hanno una parte della loro vita da “umani” e non ci deve riguardare, a meno che non vada ad incrociare quella pubblica o sfori nel penale, come è successo in alcuni casi famosi.
    Che ci si rimbecillisca, quando si è innamorati, non è una novità e non c’è età né dente del giudizio spuntato o cultura che tengano.
    Non apprezzo quel “perché ci CASCHIAMO sempre”. Allora davvero si è convinti che siano solo colpevoli le galline o le maghe Circe? O che un rapporto di coppia sia fondato essenzialmente sul lato sessuale? Beh, se è così…il titolo è quanto mai adatto, Ma non è quello che penso io. Il mio è più offensivo.

  12. gandolfo scrive:

    buongiorno cristiana,

    mi spiace ma non sono d’ accordo. quando una persona ricopre un importante ruolo pubblico è giusto che debba rispondere di tutti i suoi comportamenti. se un potente ha una crisi famigliare, certamente questi sono fatti suoi, ma se da presidente della repubblica prende una motocicletta e va in una garconniere di proprietà di un pregiudicato, beh…per fortuna che c’ è la stampa che lo scopre e lo denuncia. e lo dico da cittadino e non da giornalista…

    • Cristiana scrive:

      Buonasera Gandolfo,
      un accordo lo troviamo sicuramente. Perché anch’io mi aspetto un comportamento integerrimo dal politico, così come da chiunque altro. Non contesto l’informazione, ma l’eccesso di certe notizie, la dovizia di particolari sulle debolezze umane. Avere il coraggio di denunciare è sempre lodevole, altro punto d’incontro. Rimane da accordarci su quanto: per ora, resto con la mia idea, ma seguirò ancora l’argomento. Magari, un’illuminazione… Buona serata.

  13. Sara scrive:

    Gli uomini sono più corruttibili di noi donne.. Una top manager non la corrompi col sesso..forse coi soldi..ma non col sesso

  14. laura scrive:

    Uomini che hanno in mano le sorti di un popolo, dovrebbero essere incorruttibili,purtroppo,la storia insegna che non è così. E’ giusto che Holland,paghi per i suoi comportamenti illeciti.

  15. Pat scrive:

    Il commento di Cristiana mi induce a un paio di riflessioni. Sì, è vero che il personaggio pubblico ha il diritto di avere una vita privata, e ci mancherebbe. Ma non è così vero che non debba rendere conto a nessuno di quello che fa nel privato. Il signor Hollande, nello specifico, ha impostato la sua campagna elettorale su rigore e serietà, criticando, e non poco, mister Sarkozy sul “cambio moglie” durante la permanenza all’Eliseo. Inoltre, il presidente della Repubblica francese è, senza dubbio, un obiettivo sensibile. Prendere lo scooter, come un impiegato qualsiasi per raggiungere la sua bella, ha messo in difficoltà l’apparato di sicurezza francese e il suo ministro degli interni che, tra le altre cose, deve essere sempre informato degli spostamenti del presidente. Il pubblico incarico comporta onori e oneri, i media aiutano e fanno molto comodo in campagna elettorale, ma dopo non è che puoi pretendere che tacciano le tue scappatelle, specialmente se ti muovi come un cretino di 12 anni!
    Diverso è il discorso che riguarda l’appeal sessuale. E’ vero Cristiana, penso anch’io che sia molto maschilista quel “perché ci CASCHIAMO sempre?”, quella frase implica un fortissimo scarico di responsabilità, ma penso che l’autore del blog non abbia forzato nulla. Alcuni uomini si sentono veramente così: povere vittime in balia di maliarde! Loro subiscono le avance femminili e hanno scarsissime possibilità di resistere o dire di no. Altri invece sono inguaribili cacciatori, corteggiano, fanno i gigioni, e contano quante prede riescono a mettere nel loro carniere. I potenti della terra, i personaggi pubblici sono uomini come tutti gli altri, quindi perché dovrebbero avere comportamenti diversi. A questo è necessario aggiungere che il potere è un potentissimo afrodisiaco. Ma l’avete visto Hollande? Io lo guardo e non mi capacito! Per lui, come per molti altri, mi chiedo: “ma se fosse stato un elettricista (con tutto il mio amore per gli elettricisti!) quelle tre, si sarebbero comunque scannate per uno che ha veramente il fascino di un budino? Mah, ho dei dubbi! Verissimo quello che scrive Sara: le donne non sono corruttibili sotto il punto di vista sessuale. Non perché alle donne non interessi il sesso, e ci mancherebbe! Ma perché occupa un posto diverso tra le esigenze fisiche e psicologiche. Una donna di successo, non ha necessità di essere gratificata da un bel ragazzo. Si gratifica da sé: è’ già soddisfatta della posizione che occupa ed è consapevole di ciò che vale. Senza necessità che qualcuno le dica quanto quanto è brava. Se è in una posizione di comando non ci è arrivata per caso e ha fatto molta più fatica di qualsiasi uomo.

  16. Franco Senestro scrive:

    Che le donne non siano corruttibile sotto il punto di vista sessuale, ho i miei dubbi, ve la ricordate lady BMW ?la quarantenne Susanne Klatten quella che si innamorò perdutamente di un gigolò, tal Helg Sgarbi (guarda caso). Forse ha ragione un mio amico, che dice:” in quanto animali noi non siamo animali monogami” Però io questo pensiero lo scrivo qui…..non lo dico a mia moglie 😉

    • Pat scrive:

      Franco, hai preso come esempio l’unica che non ha dovuto fare nulla per essere ai vertici del gruppo. Lei ci è arrivata per nascita. Per investitura divina! Susanne Klatten Nata col nome di Susanne Hanna Ursula Quandt, è figlia di Herbert Quandt e Johanna Quandt è la donna più ricca di Germania ma è, a sua volta, figlia della donna più ricca di Germania, che era figlia di una delle famiglie più ricche di Germania…di cosa stiamo parlando? La principessa BMW ha vissuto un’infanzia dorata quanto blindata. Che consapevolezza vuoi che abbia? Io parlavo di donne che hanno lottato per raggiungere posti di comando, non di principesse vissute sulle torri. Sul fatto che non siamo animali monogami ho dei dubbi, diciamo che siamo animali “confusi” e che fatichiamo a trovare il compagno giusto. Ma se lo troviamo….

  17. Laura scrive:

    Penso che non sia questione di uomo o donna,quando si ha potere,lo si usa anche per ottenere “favori” di ogni genere.
    Non credo che le donne,siano migliori degli uomini, la differenza,sta nel fatto che il potere,oggi come oggi, è quasi ad esclusiva appannaggio degli uomini.

  18. Claudio scrive:

    Argomento interessante ma rispondo alla domanda con una domanda :” Se il potere fosse detenuto da un /una single convinto/a che cambia partner senza avere legami fissi, potrebbe essere un cattivo governante perchè senza famiglia (intesa come unione)?

  19. gandolfo scrive:

    Lungi da me l’idea di fare il bacchettone o dare giudizi morali… Ognuno nel privato può fare quel che crede.. Mi preoccupa quando viene coinvolta la funzione istituzionale..

  20. E se ci fossero più donne al potere cosa accadrebbe?
    La prima donna capo di Stato fu Sirimavo Bandaranaike, eletta nello Sri Lanka nel 1960. La sua linea politica fece scalpore per l’epoca e fu positiva per molti versi. Fu privata dei diritti civili e accusata di abuso di potere dal suo avversario che propendeva per politiche molto conservatrici. Ora, questa accusa non sono in grado di dire se fosse fondata o meno. Ma ciò che lei fece nel periodo in cui era alla guida del suo Paese è un dato di fatto.
    11 minuti fa · Mi piace ·

  21. Laura scrive:

    Credo che lo status single o sposato/a, non sia determinante nei comportamenti di chi ha una carica istituzionale. Continuo a pensare che non sia lo stato civile a determinare certi atteggiamenti. Secondo me, è il vero problema è il detenere un ruolo di potere a creare i presupposti per arrivare a sfruttare,la propria posizione per arrivare ad ottenere determinate cose. Il potere,affascina tutti,indipendentemente dal proprio stato civile. Ed a questo, purtroppo, non c’è rimedio.

    • gandolfo scrive:

      Brava Laura, hai espresso esattamente quello che volevo dire io, e in modo più semplice e preciso.. Grazie..

    • Pat scrive:

      Ma è chiaro che lo stato civile non è determinante. E ci mancherebbe! Così come è chiaro che quello che succede nel letto delle persone non interessi a nessuno! Tra chi ha scritto in questo blog non vedo traccia di beghini o moralisti, siamo tutti “uomini di mondo”. Ma vogliamo dire la verità e vogliamo dirla fino in fondo? Se Hollande fosse il nostro vicino di casa ci faremmo due risate, ma di mezzo c’è un apparato di sicurezza, un appartamento all’Eliseo e un appannaggio di 70.000 euro mensili per la premiere dame… e sono cose sulle quali non c’è da ridere!
      Insomma chi occupa un posto di potere deve essere responsabile di quello che fa, più di quanto lo sia qualsiasi cittadino. L’uomo politico deve essere migliore del popolo, migliore di noi. Questo lo pretendiamo ed è giusto pretenderlo, perché il posto che occupa lo fa godere di benefit che il cittadino comune non ha e non avrà mai e ch esono mantenuti proprio dal comune cittadino! E che cavolo, un po’ di riconoscenza e rispetto verso i cittadini che ti hanno eletto e ti mantengono come loro rappresentante, non guasta!
      Inoltre esiste il confronto con il resto del mondo, allora…se qualcuno deve rappresentarmi a un pranzo o a un incontro con i presidenti degli altri stati, o a un summit sull’economia, voglio che sia all’altezza della situazione, voglio che esprima il meglio del mio Paese. Voglio che sappia stare a tavola, che non abbia neppure una grinza sulla camicia, che non susciti sorrisini e gomitate: Voglio che sia perfetto, perché il suo stile, i suoi vestiti, la camera dove dorme, l’ufficio dove lavora, l’aereo che prende, la macchina su cui viaggia la pago io assieme a tutti gli altri cittadini. E’ un mio, un nostro dipendente e francamente, single o sposato, nessuno di noi assumerebbe un puttaniere!

  22. Enza Furnari scrive:

    …ma vi prego puttaniere solo perché è Hollande e rappresenta un’istituzione???…non può piu essere un buon Presidente perché si è concesso una scappatella magari si è anche innamorato???…ma vi prego non giudichiamo mai…chiunque di noi a volte ha fatto cose che non avrebbe mai immaginato di fare!!!…e poi non è andato con una prostituta e neanche è una storia solo di sesso se no sarebbe già finita da tempo!!! …perché un qualsiasi uomo o donna che sia può fare una cosa del genere e nessuno ha niente da dire e un uomo d’istituzione fa tanto scalpore e tanta notizia (scandalizzando magari anche gente che ha l’amante da anni)!!! …e’ un essere umano e come chiunque può avere le sue debolezze e i suoi desideri da uomo magari non felice con la premiere dame… non per questo è meno bravo…deve essere perfetto un uomo che rappresenta un’istituzione se no non è un buon esempio?…io potrei condannarlo solo nel caso in cui per andare con l’amante avesse speso soldi dei cittadini se no…vi prego…chi si sente veramente di condannarlo???… ognuno di noi ha diritto ad una sua vita privata anche da “potente”…l’importante è non farne abuso di questo potere!!!…non credo che se al posto di un uomo ci fosse una donna le cose cambierebbero…dipende da chi è la persona uomo o donna che sia…dalla sua moralità e dal suo rispetto verso il ruolo che espleta, dal suo vissuto e anche e soprattutto dagli ideali che lo hanno portato sino a tal carica…e parlo dei veri ideali che ha dentro non gli ideali da “campagna elettorale”…

    • Pat scrive:

      Ma no ragazzi! Lungi da me il voler esprimere un giudizio su Hollande. Non ho detto che è un puttaniere…per caritá! Ho detto che è criticabile e ho elencato i motivi di Stato, di sicurezza e di ordine pubblico. La seconda parte del mio scritto era generale. E lo ribadisco in modo convinto, chi rappresenta il popolo e dal popolo è eletto e pagato, deve essere il piú onesto possibile, sotto tutti i punti di vista. Proprio per rispetto ai suoi elettori. E ripeto, nessuno di noi assumerebbe una persona che non fosse di specchiata onestá, neppure per fare le pulizie in casa.

  23. Franco Senestro scrive:

    Ben lungi dall’offendere le donne che hanno lottato per ottenere un posto di comando. Il mio riferimento a Lady BMW era per ricordare quanto siano deboli sotto un certo aspetto, coloro che ricoprono certi poteri. Faccio però un osservazione: ma la controparte, in questo caso il gigolo, oppure la morosa di Hollande, sta con questi personaggi illustri solo per il quarto d’ora di celebrità o magari può esserci amore, così come potrebbe essere verso l’idraulico o l’operaio ? Vero che Hollande sembra un budino molle, ma magari affascina per la sua cultura.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *