MORTIBIANCHE INCIDENTILAVORO

ALLARME MORTI BIANCHE, MA NESSUNO SCENDE IN PIAZZA

by • 14 ottobre 2021 • COSE NOSTREComments (0)82

Suona la sveglia, ti prepari, vai al lavoro per guadagnare il sostentamento per te e per la tua famiglia, un incidente e… non torni più a casa. Come ha scritto l’operaio metalmeccanico Marco Bazzoni in una sua poesia: “Le chiamano «morti bianche», come se avvenissero senza sangue. Le chiamano «morti bianche», come fossero dovute alla casualità, alla fatalità, alla sfortuna. Le chiamano «morti bianche», perché l’aggettivo bianco allude all’assenza di una mano responsabile dell’accaduto, invece la mano responsabile c’è. Sempre.”

Negli ultimi giorni abbiamo assistito ad una escalation che definire drammatica è dire poco: 11 vittime in soli due giorni. 677 nei primi 7 mesi dell’anno, una media statistica di un morto ogni tre giorni.

Eppure, tutto questo succede nell’indifferenza quasi generale.

Siamo scesi in piazza per la salvaguardia del pianeta, giustissimo. Contro i femminicidi: altrettanto lodevole.

Si scende in piazza quasi ogni giorno contro vaccini e il green pass: un po’ meno giustamente, almeno dal mio punto di vista.

Cortei e manifestazioni si ripetono tutti i giorni (e per i più svariati motivi) su e giù per l’Italia e anche il nostro Piemonte è teatro di proteste pro e contro la qualunque.

Per i morti sul lavoro niente. Tutto tace. Silenzio.

Credo, invece, che sia inconcepibile che nell’attuale mondo ipertecnologico si muoia ancora mentre si lavora per guadagnarsi la pagnotta.

Infatti, le chiamano «morti bianche», – ancora Marco Bazzoni – per evitare che si dica omicidio sul lavoro. Bianche come il silenzio, come l’indifferenza che si portano dietro.

 

****Condividi

Related Posts

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *