SINDONE

Sindone, il fascino del mistero

by • 18 aprile 2015 • COSE NOSTREComments (7)1668

Ancora una volta mi sono ritrovato di fronte alla Sindone. E ancora una volta mi sono emozionato, per non dire commosso.

E’ il lenzuolo più famoso del mondo, è il lenzuolo del mistero.

Quel che mi affascina, infatti, non è l’ aspetto sacro, oppure le varie discussioni sulla sua autenticità: sono da sempre stupefatto che tutti gli studi scientifici eseguiti nei secoli non siano mai riusciti a spiegare come su quel lino si siano formate le immagini di un uomo martoriato e crocefisso. Certamente non è un dipinto, ma nessuno sa come si siano formate quelle macchie…

Per me, credente, è un invito alla preghiera.

Ma per molti è un falso: benissimo, ma questo vuol dire che secoli e secoli fa qualcuno è riuscito a realizzare un manufatto che a oggi, nonostante tutti gli studi scientifici eseguiti, risulta inspiegabile.

Il mio invito è di andare, da qui al 24 giugno, a vedere la Sindone nel Duomo di Torino. Soffermatevi e riflettete. E scrivete, qui sul blog, le vostre impressioni, le vostre emozioni.

****Condividi

Related Posts

7 Responses to Sindone, il fascino del mistero

  1. riccardo scrive:

    Riccardo Humbert La scienza dice che è un falso, forse è vero, ma anche la scienza è in continua evoluzione. Fino a qualche anno fa sosteneva che nulla fosse più veloce della luce, ora pare che non sia più così. Fine a qualche anno fa chi ipotizzava viaggi nel tempo era considerato pazzo, ora con la teoria delle stringhe e della curvatura dello spazio si insinua il dubbio. La scienza comincia a ipotizzare non solo una quarta dimensione, ma addirittura una quinta. Una sorta di universo parallelo. Tutto ciò, visto sotto un’ottica più ampia e scevra da pregiudizi, avvicina molto la scienza alla fede. Un giorno, forse, arriveranno ad un’unica verità. Chi può saperlo?

    • carla t. scrive:

      Già. Chi può saperlo? Ma è proprio necessario saperlo? L’Uomo della Sindone può essere Lui, oppure no. Di certo è un uomo. E’ la rappresentazione di un potere che usa la violenza e la morte per mantenere se stesso, per legalizzare la sua forza e il suo dominio. Quest’uomo dava fastidio,per tante ragioni, incrinava la forza del potere che opprimeva poveri ed emarginati. Allora, Lui o Barabba? Lui, perchè Barabba era controllabile, magari ci lavorava pure per quel potere. Vorrei che lo si guardasse così questo lenzuolo e se un giorno si conoscerà la sua autenticità sarà un tassello in più, ma non quello fondamentale, almeno per me.

      • gandolfo scrive:

        brava carla, bella risposta….

        • italo scrive:

          il lenzuolo più famoso è quello di linus comunque

        • cristina scrive:

          24 aprile: visita alla Sindone, non è la prima volta ma è sempre la prima volta, di fronte a quel sudario i pensieri svaniscono, come svaniscono le persone intorno, avverti una sensazione di tranquillità e di sgomento; tranquillità perchè, se credi, sai che Lui è morto anche per te e al dilà della fede, quella è comunque la testimonianza di un uomo che è stato torturato atrocemente prima di essere avvolto in quel lenzuolo …. ognuno è libero di “vederlo” come preferisce o come ritiene opportuno, la scienza non può smantellare le ragioni della Fede nè quel lenzuolo può convincere in modo assoluto chi non ha ragioni oltre le prove della scienza …. intanto chi continua a studiare la Sindone in modo scientifico forse non cerca prova a discapito, anzi forse è proprio il contrario, buona sera a tutti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *