ZEGNAOASI

GIROVAGANDO: L’ OASI ZEGNA NEL BIELLESE

by • 4 marzo 2022 • LUOGHI E LIBRIComments (0)364

Ermenegildo Zegna, innamorato della bellezza della natura e profondamente legato alla sua terra,  diede vita negli anni ’30 a un’imponente opera di valorizzazione ambientale attorno a Trivero (Biella), tutt’oggi sede del Lanificio da lui fondato e che porta il suo nome. Nasce così l’ Oasi Zegna, 100 chilometri quadrati ad accesso libero nella Valle Cervo, nelle Alpi Biellesi in Piemonte.
Da sempre innamorato della natura e profondamente legato alla sua città natale, Ermenegildo Zegna avviò uno straordinario piano di riqualificazione ambientale, ispirandosi a una vera e propria “filosofia verde” in cui i rapporti fra uomo, cultura della montagna e natura sono preservati, a vantaggio delle generazioni che verranno. Dedicandosi personalmente all’ambiente e al paesaggio, negli anni arrivò a piantare 500.000 alberi di conifere sulle pendici delle montagne attorno al lanificio.
Personaggio visionario, Ermenegildo fece inoltre costruire una strada lunga 26 km nota come Panoramica Zegna, che collega i paesi della regione e Trivero ai paesaggi circostanti. Riuscì ad instaurare un rapporto positivo con il territorio e la sua comunità creando un patrimonio ambientale concepito come bene di tutti.

Da luogo naturale a parco protetto capace di offrire ai visitatori un’esperienza didattica ed emozionale inaspettata. Da area montana isolata a Oasi naturalistica. Oggi l’Oasi Zegna è un laboratorio all’aria aperta per le nuove generazioni e luogo ideale per famiglie, bambini e sportivi per praticare tutto l’anno attività a contatto con la natura, nel pieno rispetto degli ecosistemi.

L’Oasi Zegna offre alle  famiglie, ai bambini e agli sportivi l’opportunità di immergersi nella natura in qualsiasi momento dell’anno, nel pieno rispetto dell’ecosistema locale. È possibile anche accedere alle stupende viste panoramiche della stazione sciistica Bielmonte.

L’accesso nell’Oasi Zegna e’ libero, gratuito ed e’ possibile portare con sè i cani.

 

****Condividi

Related Posts

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *